Apr 16, 2011 - opinioni    1 Comment

COME CI SIAMO RIDOTTI.

A chi segue la politica, come me, rimbomba nella mente una serie di frasi fatte che i berlusconiani ripetono all’infinito; una di questa è “l’opposizione non fa mai nessuna proposta concreta, dice sempre no a tutto” ; di proposte l’opposizione ne ha fatte tante ma non sono state nemmeno prese in considerazione dal governo che ha altri scopi piuttosto che il benessere degli italiani; un esempio recente è quello mostrato in calce a questa pagina: notizia riportata dalla “Repubblica” non come propaganda ma come vero disegno di legge presentato al senato dalla senatrice Anna Finocchiaro. Sono provvedimenti molto utili per cercare di aiutare la parte della popolazione più in difficoltà; sarebbe un provvedimento costoso, certo, ma quando si vuole i soldi si trovano, come si trovano per fare il ponte sullo Stretto o come si sprecano per sdoppiare il turno delle amministrative e il referendum che costerà 450 milioni di Euro o quando si è deciso di fare due G8, una in Sardegna  e, smontando tutto, uno all’Aquila, oppure per dare lauti stipendi a sottosegretari nominati a raffica …..!

Un altro concetto portato avanti da loro è che la destra ha un “leader carismatico” e la sinistra no; la leadership si divide tra D’Alema, Vendola, Bersani, Veltroni e qualche altro; questo succede perchè nella sinistra circolano idee svincolate da una direttiva centrale: ciò, naturalmente, comporta delle divisioni e un dialogo che può essere costruttivo nel momento di prendere decisioni e comunque meglio avere a che fare con uomini pensanti anzichè con automi con il cervello imbalsamato.

Il cosiddetto “carisma” di Berlusconi non è altro che la potenza economica di cui lui è ben fornito; questa sua enorme disponibilità, unitamente alla potenza politica che ha ottenuto, fa si che può tenere vincolati a se tutta la maggioranza ed oltre, elargendo favori, poltrone, incarichi, promesse, regali ed anche – si è saputo – somme in denaro, estinzione di mutui, appartamenti a prezzi stracciati, ecc. ecc.

Se Berlusconi non fosse così ricco e non avesse le televisioni sarebbe  un semplice deputato o, forse, sarebbe già in galera!!

Nel PDL idee non ne circolano, tant’è vero che appena Fini ha alzato la testa è stato subito cacciato e i rimasti si guardano bene dal contestare per non fare la stessa fine; ciò è confermato dal fatto che centinaia di parlamentari (e anche giornalisti) che si alternano nei varii talk show politici dicono esattamente le stesse cose e quando sono alle strette se ne escono dicendo che, in fondo, Berlusconi è stato votato dalla maggioranza degli italiani ed è quindi legittimato a governare. Anche questo non è vero in quanto il PDL (non Berlusconi) ha appena circa il 30% dei voti e la Lega poco più del 10% e quindi il 60% non è con il PDL, non solo, ma la Lega, con circa il 10% dei voti di fatto detta legge nel Paese ….!!!

Inoltre, come qualcuno recentemente ha detto, il Parlamento così come si è ridotto oggi non è legittimato perché i varii componenti non sono stati eletti dal popolo!!! Sono stati “nominati” dai partiti e, per una certa parte, letteralmente comprati.

Non solo Berlusconi, con il suo governo sta portando alla rovina il Paese, ma si permette anche di nominare il suo successore sentendosi ormai il “re” d’Italia, affossando definitivamente la democrazia nella nostra povera Italia martoriata da questa politica indecente.

E’ una vergogna!! Ed ancora più vergogna vedere delle persone che osannano il nostro presidente del consiglio all’uscita del Tribunale di Milano come  ragazzine impazzite davanti al loro cantante preferito.

———————————————————————————————————————-

PIANO DEL PD PER AIUTARE I GIOVANI: 27 MILA EURO DI DOTE A 18 ANNI.

ROMA: Una “dote personale di cittadinanza” di 27.000 euro al compimento dei 18 anni, “per avviare un’attività lavorativa o finanziarsi gli studi”, un “Fondo di garanzia” di 300 milioni per sostenere l’accesso al credito e microcredito, agevolazioni fiscali per gli affitti, borse di studio per l’università, esenzione fiscale totale per i primi tre anni per i giovani che avviino un’attività di lavoro autonomo, limiti legali alle assunzioni a tempo determinato e un credito d’imposta di 333 euro mensili per i primi tre anni al datore di lavoro per ogni assunto a tempo indeterminato. Sono le principali misure previste dal “Piano nazionale per l’autonomia e la libertà delle nuove generazioni”, il disegno di legge presentato ieri a Palazzo Madama dalla presidente dei senatori del PD, Anna Finocchiaro.

———————————————————————————–

 

 

 

COME CI SIAMO RIDOTTI.ultima modifica: 2011-04-16T14:26:00+02:00da nembokid37
Reposta per primo quest’articolo

1 Commento

  • ho letto con interesse i tuoi post. Complimenti per gli argomenti, per le tue interpretazioni e per i dati di riferimento. Inutile confermarti il mio assenso su “come ci siamo ridotti”; stiamo vivendo nell’assurdo, senza spiragli di bonifica. Permettimi di attingere anche dai tuoi post le notizie utili a sfogare la satira sul mio blog.
    Complimenti e un saluto da roby

Lascia un commento